giovedì 27 ottobre 2011

Sottoalberi country (Part III).

Prima di sfogarmi ben bene riguardo le varie fiere, vi mostro la terza parte dei miei lavori estivi, i sottoalberi.




Questo con gli angioletti, è quello che in assoluto mi è costato di più in termini di tempo.
Basta dare un'occhiata...




Questa volta l'alamaro (bellissimo e molto particolare),è stato acquistato.


Anche quest'ultimo ha preso gran parte del mio tempo libero, anche perchè è cucito minuziosamente, e curato (almeno credo) nei minimi particolari.




Il tutto in base all'estro del momento.




Vi confesso che proprio questo era il primo in lista per rimanere sotto il mio albero di Natale, ma non dopo aver visto quello col fioccone e campanaccio dello scorso post (molto più primitive ed essenziale).




Che ve ne pare? Io li adoro.
Ho fatto anche in estate quello che amo fare di più, avevo stoffe ovunque, sopra e sotto il tavolo, bottoni sparsi, fili e scampoli a terra...Nadia con le mani dentro la scatola dei bottoni che erano migliaia, come fosse Paperon de Paperoni con le sue monete...un caos insomma.

Ma stavo bene...




Ed in questi momenti rifletto sempre e penso: meglio un hobby creativo, che dispendioso tipo lo shopping.
E mio marito si lamenta pure!
Capisco che anche le stoffe ed il resto abbiano un costo, ma almeno crei, assembli qualcosa...ed io lo trovo molto gratificante.

A questo punto, la faccio diventare una sorta di discussione continua, grazie ai commenti che mi avete lasciato.
Ma sarò sincera: avevo preparato un post di fuoco, scritto in una settimana e con continue modifiche.
Premetto che ognuno ha esposto i suoi pensieri, che alla fine conglobavano tutti in un unico discorso: Nord si e ben riuscite, centro qualcuna e non soddisfacente, sud tabula rasa e desolazione più assoluta. 
A questo punto cerco di capire cosa pensano gli organizzatori...magari preferiscono farne una e bene, piuttosto che diverse e scarse.
Anche se come mi diceva  Isabella  (www.countryisa.com), al nord ce ne sono e tutte nello stesso periodo.

Ho cancellato, e rifatto tutto dopo il commento di Seleapi, secondo cui la scelta degli organizzatori è mirata ad un pubblico del nord perchè spende di più (spero di non travisare il tuo discorso), perchè qui di soldi non ne circolano tanti.
Ma non potrebbe trattarsi solo di cattiva organizzazione?

Figurarsi poi proponendo i prezzi esagerati visti quest'anno in fiera.
Patrizia, in un suo post qui , ha scritto una cosa che ho sempre recepito in tale modo dal mio essere una bimbetta, e che vorrei sostenere da adulta: fiera, dovrebbe essere sinonimo di prezzi incredibilmente scontati  e di novità assolute. 
Vada per le novità, ma non per i prezzi.
Va boh...rimarrò solo un insignificante puntino in questo webuniverso, ho semplicemente espresso un mio parere, paragonabile ad un semino piantato su un sasso.
Tra l'altro, non sono questi i problemi da risolvere.



Vorrei consolarmi con una bella boccetta di Nutella, ma mi accontento (solo per il momento) con la mia vincita, il candy di Buttonmad. Uno splendore...(ed una fortuna sfacciata che non credo si ripeterà più...3 candy vinti in una sola settimana).


Vi lascio con i colori che amo di più!




21 commenti:

  1. è bellissimo davvero, ma come hai fatto a fare la forma?

    RispondiElimina
  2. bellissimo il tuo blog!!!e questa tua creazione per l'albero è stupenda,belli i colori bello tutto!!!

    RispondiElimina
  3. Barbara sono splendidi i tuoi sottoalbero, quello con l'agioletto e' una meraviglia assoluta!!!!!! Per quanto riguarda le fiere, credo che l'idea del risparmio legata a queste manifestazioni sia ormai cosa di vecchia concezione (per quanto io continuo a vederla cosi') soprattutto se i fornitori continuano a far lievitare i prezzi, cosi' come gli sconti per l'acquisto di elevate quantita' di merce (prima erano un grande incentivo, oggi praticamente inesistenti), oppure magari l'extra in piu' per i pagamenti in contanti che oggi invece devi fare se vuoi la merce!!! Pensa che quando ho iniziato a lavorare io, addirittura se tu facevi ad un fornitore un certo fatturato annuo, oltre allo sconto extra ricevevi in premio anche un viaggio o un oggetto (tipo televisore, aspirapolvere), prova a proporlo oggi???!!! Va beh, tutte parole inutili purtroppo!

    RispondiElimina
  4. I sottoalberi...sono bellissimi! Io non ne avevo mai visti!

    RispondiElimina
  5. Wow wow ed ancora wow ..... sono spettacolari i tuoi sottoalberi, mi piacciono da morire ..... COmplimenti !!!!
    Ciao
    Giovanna

    RispondiElimina
  6. Bellissimi i tuoi sotto alberi, complimenti!!!

    RispondiElimina
  7. I tuoi sottoalberi sono bellissimi, anche se avrei azzardato un colore più.."rosso" !!
    riguardo alle fiere, ti posso dire che io vivo in toscana, e qui non solo mancano le fiere, ma mancano anche i negozi dove comperare il minimo necessario ( prova ad entrare in una merceria e chiedere un metro di serpentina bianca, ti guardano come fossi un extraterrestre..) e non solo mancano le mercerie o simili, ma manca anche la gente che ami le cose fatte a mano, ho fatto due mercatini e..ho venduto due sacchetti di lavanda in un intera giornata !! guardano le cose come fossero puzzolenti.. i commenti : " a mano son buoni tutti"..e se ne vanno stringendosi sottobraccio la bella borsetta con la griffe in bella mostra!
    ogni volta che vado dal medico o ospedale, ho la mia scatolina da lavoro e ricamo o faccio un patch, i commenti : " bel modo di perdere tempo.." già, perchè un hobby e visto come perdita di tempo, mentre si potrebbe andare in palestra, o a fare un massaggio o dal parrucchiere!
    In trentino c'è ancora chi ricama , lavora il legno, e vive con questa attività, perchè quello che fa viene apprezzato, e così in veneto e lombardia, la mia famiglia vive in veneto ed ogni volta che regalo una mia creazione la gente l' apprezza e la guarda con ammirazione.
    quindi non credo sia questione di soldi, di aree d' italia ricche o meno, ma di "testa" , della cultura alle piccole e belle cose fatte a mano.
    un abbraccio virtuale
    Sonia

    RispondiElimina
  8. Tra tutti,questo con gli angioletti è quello che preferisco....bellissimi tutti comunque...
    un bacio Katia

    RispondiElimina
  9. arieccomi! il commento di sonia mi ha proprio colpita.. sono ancora abbastanza convinta che il cuore del problema stia nei numeri, intesi come:
    1) il nord è più ricco del sud (e qui non ci piove), quindi per i venditori il nord è un mercato più redditizio per tutto, hobby compresi;
    2) a nord c'è proprio più gente, normale che ci siano più acquirenti;
    3) conseguenza, a nord c'è anche più gente interessata al craft;

    che la toscana sia un mondo estraneo alla bellezza del fatto a mano mi arriva nuova.. è una terra in cui l'artigianato è ancora molto importante (penso alle pelli, al marmo, al legno, ai panieri, alla carta), quindi più o meno credevo che ci fosse più sensibilità al riguardo.
    ma forse stiamo generalizzando un po' troppo, io con i miei preconcetti poco concreti e magari anche sonia che può aver avuto la sfortuna di andare a un mercatino griffato!

    vabbè, detto questo, barbara: ci stai all'idea del nucleo di crafter agguerrite o no?? ;)

    RispondiElimina
  10. Stupendi i sottoalberi.
    Stefy

    RispondiElimina
  11. I tuoi sottoalberi sono bellissimi. Quello con gli angioletti è strepitosissimo!
    Riguardo al tuo sfogo, sono più daccordo con Seleapi che con Sonia. Anch'io credo che la concentrazione al nord sia legata ad una semplice e fredda questione di numeri, espressi naturalmente in termini di ricchezza! Io in Toscana ci vivo e credo che la sensibilità verso il fatto a mano sia ancora presente. Tuttavia, e qui dò ragione a Sonia, spesso è poco acquistato semplicemente perchè costa di più del prodotto realizzato in serie. E quindi rieccoci al problema principe...se non c'è mercato, o ce n'è poco, la fiera non conviene (e noi vaghiamo in giro per negozi che non hanno nulla o siamo costrette ad acquistare via internet)!
    Baciotti, Mary

    RispondiElimina
  12. I sottoalberi sono uno più bello dell'altro. Complimenti.
    Baci Clara

    RispondiElimina
  13. Belli tutti i tuoi sottoalberi ma quello che preferisco è quello con gli angeli!!!
    Baci
    Fede

    RispondiElimina
  14. Allora intanto son passata per dirti che sei una somara, sìsì non fare quella faccia e non c'è bisogno che te lo dica, già sai... potevi almeno sforzarti a dare un nome al mio orsetto, sfaticata!!! Io adoro il primo sotto albero, l'altro meno e per i bottoni direi che hai un bel bottom... hihihihi
    bacioni buona notte

    RispondiElimina
  15. I sottoalberi sono stupendi! In quanto alle fiere, di nuovo, non credo che sia una questione di distribuzione di ricchezza tra nord e sud (per cui, comunque, esiste una differenza sostanziale). Innanzitutto manca una volontà degli organizzatori nel meridione. E poi le aziende produttrici, prevalentemente dislocate al nord, sostengono meno spese muovendosi in zona. Resto dell'idea che se solo uno dei produttori partecipasse ad una ipotetica fiera in Sicilia, piuttosto che in Calabria, gli altri si accoderebbero per non cedere quote di mercato. Qui ci sono diversi paesi in cui resiste una tradizione di ricamo, eppure le fiere non esistono.

    RispondiElimina
  16. Ho trovato il tuo blog per caso e sono rimasta colpita dalla pazienza e competenza che metti in ogni piccolo particolare delle tue creazioni, una ricerca perfetta di rifinizioni veramente complimenti

    RispondiElimina
  17. I tuoi sotto alberi sono fantastici...ed hai proprio ragione quello con gli angioletti è fenomenale!!! per quanto riguarda il tuo invito mi farebbe tanto piacere esserne aggiornata e magari farvi parte...aspetto tue notizie!!!

    RispondiElimina
  18. Eh..carissima conterranea, anche io sento tanto la "frustrazione da mancanza di fiera". Vedo foto di incontri tra creative, stands di roba magnifica, di novità strabilianti, di workshop interessantissimi, purtroppo tutto questo ci è negato a noi del profondissimo sud. Per quanto riguarda il tuo invito io sono disponibilissima, tienimi aggiornata!....e complimenti per i sotto-alberi che trovo deliziosissimi!

    RispondiElimina
  19. ciao Barbara, davvero meravigliosi i tuoi sotto alberi,adoro l'abbinamento di stoffe che hai fatto:)
    Un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
  20. Questi sottoalberi sono STUPENDI e come dici tu, veramente ben rifiniti.
    Quello con l'angioletti è di una tenerezza assoluta.
    Che culin per il candy vinto, davvero belli quei bottoni, e tre candy vinti in una settimana mi sembrano TROPPI ;-)) ( ma dove passi?) io è una vita che non ne vinco Ufff.
    Bacione,
    Ros

    RispondiElimina
  21. Ciao, che piacere aver incontrato una blogger che abita vicino casa!
    Noi siamo di comiso, tu?
    I tuoi lavori sono molto belli e originali, con calma adesso ci guardiamo tutto il blog.
    Naturalmente ti seguiamo con gran piacere....
    a presto
    nunzia

    RispondiElimina