martedì 16 dicembre 2014

My Xmas...

 Metà Dicembre e non sentirlo.
 Devo entrare in casa mia per sentire "l'odore" del Natale.
E' proprio vero che man mano che si va avanti,
 è sempre più difficile avvertire l'atmosfera delle feste.
 La crisi si fa sentire ovunque.
Io non la sento. Perchè?
Perchè si va incontro al risparmio:
 i regali sono limitati ai bambini già da qualche anno.
Si stabilisce un tot a nipotino, e si riesce a rispettarlo.

I piatti della nostra tradizione sono
 fondamentalmente poveri, quindi rendono 
tantissimo con un minimo di spesa. 
Non amiamo andare per locali nè durante la Vigilia 
di Natale, nè per la fine dell'anno.


It 's true that as we go forward, it is harder to feel the atmosphere of the festivities. 
  The crisis is felt everywhere.I do not feel it. Why? I savings: gifts are limited to children for some years. 
It sets a limit of money to spend for each grandchild.
 The dishes of our tradition are basically poor, then make
lot with a minimum of expense. 
We do not like to go to local nor during eve  Christmas, nor by the end of the year.
These are parties to live in the house,
at least according to my conception of the family.
Indeed, I thank my parents for giving me grew up in this way so simple ... I remember with much love the holidays
  spent with grandparents who are gone ... each party was dedicated to them.
But they are choices. Here ... I also moved.

Queste son feste da vivere in casa, 
almeno secondo la mia concezione di famiglia.
Anzi, ringrazio i miei genitori per avermi cresciuta in questo modo così semplice...
Ricordo con tanta nostalgia le feste trascorse con i nonni che non ci sono più...
ogni festa era dedicata a loro.
Ma sono scelte.
Ecco...mi sono anche commossa, meglio passare ad altro.

Lavori del post di oggi:
 sotto Natale divento infantile, e parecchi dei lavori
 realizzati mi sembrano tutto fuorchè seri...
Ma danno allegria e mi basta.
Quest'anno ero stufa delle solite calze per l'Epifania,
 così ho voluto realizzare i guanti portadolciumi
 ( o carbone). So che non c'entra niente con la 
classica calza, ma mi piacciono di più.
 
೫✿✿೫
೫✿✿೫
A dire il vero, per questo Natale ho proprio finito di cucire.
 Mi sto dedicando ad un mercatino personale e ai miei figli,
 che reclamano la madre.
 Idee per il nuovo anno a bizzeffe, ma voglio riposarmi un pò.
I prossimi post mi serviranno solo per mostrare gli
 ultimi lavori dell'anno, e dirvi quanto sono felice di
 interagire con voi attraverso il mio amato blog!

Un abbraccio!

lunedì 8 dicembre 2014

Dicembre, Calendario dell'avvento.

 Benvenuto Dicembre, anche se da qualche giorno.
Se consideriamo che stamattina ero ancora a maniche corte,
 capirete perchè mi piacerebbe vivere in un bel paese del Nord.


L'aria del Natale nella nostra zona, 
non si fa sentire proprio tanto. 
Mi consolano i miei manufatti e l'aria che tira in casa mia. 
Capita a tutte di avere lavori incompleti messi da parte,
 e quella che vedete in questa foto, è una delle
 ghirlande che ho messo da parte un paio di anni fa. 
Quest'anno ho completato parecchi lavori 
accantonati in sacchetti sparsi,
 anche perchè lo confesso, mi soddisfa 
vedere assottigliarsi  il caos nella mia craft room 
(altrimenti detta cabina armadio).

Questa ghirlanda era tratta da un vecchio "C.c.facile". 


 Ecco il calendario dell'avvento che ho preparato per quest'anno.
 Anche se il mio primogenito ha compiuto 18 anni,
 non pensate che possa essere trattato in modo
 diverso rispetto alla piccola.
 I sacchetti contengono sempre qualcosa per entrambi 
(i figli...non vorresti mai che crescessero...).


L'idea l'ho trovata su Pinterest, ed ho utilizzato uno
 dei portadolci realizzati dal mio falegname 
personale (papà).

Un tocco di mordente, e via a cucire i sacchetti.
 Vi assicuro che la parte più difficile, è stata trovare
 cosa metterci dentro...


Ultimo lavoro che vi mostro, una calza per la Befana.
Lavoro personale, e progetto proposto in uno dei corsi che sto finalmente concludendo.


Welcome December, even if a few days. 
If we consider that this morning I was still in short sleeves, 
  you'll understand why I would like to live in a beautiful country in the North.
It happens to all of having incomplete jobs set aside,
 and the one you see in this photo, is one of 
  garlands that I put aside two years ago.  
This year I have completed several jobs 
aside, partly because I confess, I'm satisfied 
see thin the chaos in my craft room (true wardrobe).
  Here is the advent calendar, I have prepared for this year
 Although my son turned 18do not think that it can be treated
 different from Nadia.
The bags contain something for both 
(the children ... you would not want them to grow up ...). 
The idea I found on Pinterest, and I used one
 of candies made from my carpenter staff (dad).
 

Last job that I show, a stocking for the Epiphany. 
Personal work, and the proposed project in one of the courses that I am finally concluding. 
The desire to finally work for myself, it's so much.
 

Eccovi una bella carrellata di angolini vari del mio albero. 
Confesso che a parte l'Angelo che fa da puntale, 
NON ci sono addobbi realizzati da me.
 Mi rilassa tantissimo e adoro andare per mercatini
 e negozietti a cercare ogni anno qualcosa di 
sfizioso e poco caro.
In genere due/tre pezzi l'anno. 

  
Alquanto ripetitivo, perchè se andate indietro anno dopo anno,
 non è che cambi molto...anzi per niente.

೫✿ ✿೫
೫✿ ✿೫
೫✿ ✿೫
೫✿ ✿೫
 
೫✿ ✿೫
೫✿ ✿೫
೫✿ ✿೫

Prossimo post, altri lavori realizzati per questo Natale.

Buona settimana creativa, un abbraccio.

lunedì 24 novembre 2014

Fiorella.

Va beh, ormai è un classico; passo sempre di fretta
 e scrivo di getto ciò che penso al momento. 
Giornate frenetiche senza concludere niente di personale.
 I corsi che tengo ad Arte Sì continuano ancora
 per questa settimana, dopodichè mi fermo e mi 
dedico
 al mio personale lavoro, alla casa, alla famiglia
 (anche spupazzandomi la mia Nadia).
Le foto che vedete, riguardano lavori 
realizzati almeno due mesi fa 
(le borse che ho cucito sono in tutto 4),
 ma posto pian pianino per avere qualcosa da 
mostrare nel caso in cui non abbia tanto tempo per lavorare.

Questa è la borsa "Fiorella", in tessuto lanato,
 con l'immagine lavorata con la tecnica dell'embroidery hoop
 (colpa o merito di Marzia /Tartamilla,
 che mi ha praticamente fatta innamorare di tale lavorazione).

೫✿ ✿೫
 Le stoffe utilizzate sono americane, idem la targhetta sul retro, 
dove chi vuole può anche ricamare il suo nome.
೫✿ ✿೫
L'interno, vi assicuro, è molto curato.
 Enorme tasca con cerniera, tessuto in cotone gessato grigio.
La potete trovare nel mio negozietto su Miss Hobby.

The photos you see, namely tasks made at least two months ago 
(the bags that I sewed are around 4),
 but place very slowly to have something to 
show if has not much time to work. 
This is the bag "Fiorella" fabric Wooled,
 with the image processed with the technique of embroidery hoop
 (fault or merit of Marzia / Tartamilla, that I basically did fall in love with this work).

The fabrics used are the American, also the label on the back, where those who wish can also embroider her name. 
Inside, I assure you, it is very nice. Huge zippered pocket, cotton fabric gray pinstripe. 

You can find it in my shop on Miss Hobby.

Ops...avete avuto anche voi la mail in cui vi avvertivano che
 il vostro dominio passava da personale a commerciale?
Una buona settimana creativa!!
Bacetto,

domenica 16 novembre 2014

Ginger e "Set goloso"

 Salve! Ormai passo di fretta anche dal mio
 amatissimo blog, ma ci sono sempre.
 Guai a tralasciare la mia casetta virtuale.
Questo è uno dei modelli proposti durante i corsi
(è mio personale),
 una gingerina alta all'incirca 40 cm, 
che ovviamente ha subito trovato la sua neo mamma (Nadia).

 ೫✿ ✿೫

Hi there! I have little time, but never abandon the blog.
This is one of the proposed models
  a ginger approximately 40 cm high, 
which of course has quickly found his new mother (Nadia).
 ೫✿ ✿೫
Project number two: the reindeer.
This is the third project. 
I wanted to set a little bit different than usual, 
thus turning a little to the web, I added a few ideas,
and spawned the model.

 
Secondo progetto (lo mostrerò prossimo post). 


Questo è il terzo progetto.
Avevo voglia di un set un pò diverso dal solito, 
così girando un pò per il web, ho sommato qualche idea,
 e fatto nascere il modello (anche questo mio personale).


Tra l'altro, ne cucirò qualcuno in più da tenere in
 casa, nel caso in cui dovessi fare regali.

Per martedì, una nuova proposta, molto Natalizia.

Per il resto, spero di tornare presto alla normalità;
riesco a cucire solo la notte e non sempre.
Ho tanti progetti per il Natale, ma credo rimarranno tali (pazienza).

Vi auguro di trascorrere una buona  domenica
e una splendida settimana all'insegna della creatività.

Baci,

martedì 4 novembre 2014

3 rose

Tre semplici rose bianche.
 L'iniziativa di Anna è stata semplicemente da favola.
 Ha chiesto a chi fosse disponibile, di inviarle una rosa
 in  qualsiasi tecnica o dimensione, in colori prestabiliti. 
Tra questi c'era il bianco, che ho potuto reperire più facilmente.
Lei ci ha lavorato sù, ed ha creato il suo bellissimo bouquet da sposa.

Come dice lei, siamo state tutte un pò sue damigelle.
Ecco il bouquet che ha assemblato.
Non ingrandisco ulteriormente l'immagine
 per non sgranarla.
Trovo che sia stupendo.
 Mi ha fatta emozionare.

Three simple white roses.
The initiative of Anna was simply fabulous.
 He asked who was available, to send a rose in any technique or
 size, in predetermined colors. Among them was white, 
  I could find them more easily. Anna will create something ...  
this.

Volevo ricordare che stanno continuando i corsi Arte Sì. 
Il mio corso è piacevolissimo, ma malgrado mi sia prefissata
 tre ore per soggetto, è difficile mantenere il programma.
Una cosa però devo dirla...ho avuto come allieve delle nuove amiche 
che non avevano mai usato la macchina da cucire.
Ecco qualche lavoro semi concluso
 (il ginger senape è mio, il blu è quello delle corsiste):
Questo è l'aspetto più bello del cucire insieme!


Queste sono le cartoline dello swap a cui sto partecipando.
Mi sono arrivate da Laura e Musetta. 
Le cartoline che ho spedito io
 non sono molto fantasiose.
 Sono andata sulle immagini della mia splendida città.
 Tempo zero (letteralmente) per poter spedire
 qualcosa di hand made.
E mi spiace parecchio.

Consideratelo un pò un post di servizio,
 questa settimana vi mostrerò qualcosa di Natalizio,
 ne ho proprio voglia!!
Un abbraccio enorme!!



mercoledì 22 ottobre 2014

L'esaltazione del nulla...

 Mai scritto titolo più significativo per me.
Questa è la frase detta da mio marito, non appena
 gli ho mostrato il retro della borsa. 
Vabbè ho esagerato un pochino, ma senza pensarci tanto...
Amaramente, ho solo riso.

 E durante il giorno l'ho ripetuta più volte ad alta voce davanti a lui, 
saltandogli addosso e coccolandolo,
 perchè malgrado le battutacce e lo sfottò lo adoro;
però è stato un invito a riflettere, e tanto.

Mi ha fatto ricordare quando mi approcciavo al cucito,
 e proponevo alle amiche cose inguardabili, credendole bellissime.
 Mi esaltavo come una bimbetta con un giocattolo nuovo.
 Parlo di circa 20 anni fa.

E caspita...ditemi chi è quella persona che non è
 orgogliosa  di quello che realizza!
 Difetti compresi. Tanto (dico io), son cose realizzate a mano
 e l'imperfezione ci può anche stare.
 Anzi, è quella che ti dà l'originalità dell'oggetto.

 Certo, ci sono casi disperati e non faccio nomi...ma
 so che troverò il commento a seguire (intendo dire che malgrado
 realizzino cose bellissime, hanno poca stima di sè).
Conosco persone che non sanno infilare un ago, e affidano le loro idee al sarto.
 Vendono in modo esagerato, meglio per loro, ma non proveranno MAI il piacere e la soddisfazione piena di aver sviluppato con le loro mani una propria idea.
Sassolone tolto non da una, ma da due scarpe!
Ecco perchè mi ha particolarmente colpita la frase di mio marito.

I manici sono quelli realizzati qualche post fa dal mio papà,
 misura e colore su mia richiesta.
Non potevo aspettare ancora molto a cucire la mia personale bag
 (visto soprattutto che ogni volta che incontravo papà, la domanda
 era sempre la stessa: "Hai cucito la borsa con i miei manici?").
Otto (8) ore di manodopera...il materiale, e tanta passione.
Le imperfezioni? Tante.

 La userò appena smetteremo di andare in spiaggia...
Creative, siate fiere di tutto ciò che nasce dalle vostre mani.


 "You did not do anything special"
 
This is the phrase said by my husband, as soon as  
I showed him the back of the bag.  
Okay, I exaggerated a little, but without thinking much ...  
Bitterly, I just laughed.
 And during the day I repeated several times in front of him,
  because despite the jokes that makes me, I love him;
But it was an invitation to reflect.
And wow ... tell me who is that person who is not
  proud of what he creates!
 The imperfection there may also be.
Indeed, it is one that gives you the originality of the object.
I know people who do not know how to thread a needle, and entrust their ideas to the tailor.
These people, do not EVER try the satisfaction of having developed with their hands up their own minds.

Per concludere:
sto partecipando allo swap di Veronica, ed ho inviato 
tre cartoline della mia splendida Modica. 

Al momento, ho ricevuto la cartolina di Loredana e Germana
 (quest'ultima fuori swap).
Non appena arriveranno le altre due, le posterò.

 
 Questa invece è la locandina che stiamo usando per i corsi Arte Sì.


Se siete di Modica e dintorni, e interessate a:
cucito base, cucito creativo, feltro, ricamo, 
macramè, maglia...contattatemi.

Per oggi è abbastanza, e se siete arrivate fin qui,
 avete tutta la mia gratitudine.
Un bacio!